Benvenuto nel sito di Chanson Water by NERÓ H2O d.o.o.

I germogli di broccolo, prevenzione del cancro e disintossicazione

I germogli di broccolo, prevenzione del cancro e disintossicazione

By Geoff D’Arcy, Lic. Ac., D.O.M 

Traduzione di Ivan Dus, MD

Quando vostra madre diceva, mangia tutte le verdure e non dimenticare i broccoli perché ci fanno bene! Aveva proprio ragione!

Attualmente gli esperti concordano che ci sono prove ed evidenza scientifica che il consumo di verdura e frutta aiuta a prevenire il rischio di alcuni tipi di cancro. Le  linee guida  alimentari della USDA americana, similmente alle raccomandazioni del  National Research Council and American Institute of Cancer Research , entrambe riflettono queste conoscenze. Viene stimato che ci sono 10.3 milioni di nuovi casi di cancro ogni anno nel mondo e questo fa sì che la prevenzione del cancro diventi una delle priorità primarie per la salute.

Pertanto quelle semplici parole dette da vostra madre avevano una reale verità. Le verdure ci aiutano realmente a mantenerci in salute, e possono essere un'arma molto potente contro il cancro. Secondo un recente rapporto internazionale, l'alimentazione può prevenire dal 30 al 40% i casi di cancro, il che significa dai 3 ai 4 milioni di casi l'anno.

Che cos'hanno le verdure che sono in grado di produrre questi benefici effetti ? Sono le sostanze fitochimiche protettive che si trovano nei vegetali. Le star di questi prodotti anticancro sono: la Allicina trovata dell'aglio, i carotenoidi trovati nelle carote, il licopene dei pomodori, ed un altro composto incredibile che si trova nei broccoli; il Sulforofano glucosinolato (SGS).

Questi composti sono in grado di incrementare le difese proprie dell'organismo contro le sostanze carcinogeniche. Le cellule del corpo contengono una famiglia di enzimi disintossicanti (enzimi di fase 2) in grado di neutralizzare le sostanze chimiche che causano il cancro come pure i radicali liberi, prima che queste siano in grado di danneggiare il DNA ed iniziare il cancro. La protezione chimica può essere ottenuta attivando la fase 2 di difesa del corpo. Questi enzimi di fase 2 sono parte integrante del corpo e costituiscono un sistema incredibile di disintossicazione, neutralizzando le sostanze carcinogeniche ed altre sostanze tossiche trasformandole in molecole inerti che poi vengono eliminate dal corpo.

In questo articolo “ Il Sulforofano stimola gli enzimi capaci di combattere il cancro”,  Richard Conant descrive come funzionano i Sulforofani.

Il processo di disintossicazione delle sostanze carcinogeniche avviene  nel fegato e coinvolge due enzimi distinti mediante processi o fasi. Nella fase 1 gli enzimi neutralizzano le tossine in modi diversi. Alcuni di questi convertono le tossine in sostanze che vengono immediatamente eliminate. Altri invece, convertono le sostanze in prodotti intermedi che sono carcinogenici, ed hanno quindi bisogno di un ulteriore trattamento prima di essere eliminati. Sono proprio gli enzimi di fase 2  ad esercitare questa fase vitale. Questi enzimi di fase due sono in grado di disattivare queste sostanze carcinogeniche prodotte dalla fase 1, di conseguenza il prodotto finale viene poi completamente eliminato per sempre. (Se volete delle eccellenti informazioni a riguardo, consultate l'enciclopedia di medicina naturale redatta dal Dott. Michael Murray e Joseph Pizzo).

La fase 2  rappresenta la fase critica. Anche se la fase 1 funziona bene nel suo ordine ma la fase 2 no, aumenta il rischio potenziale di incremento delle sostanze carcinogeniche. Diventa pertanto essenziale mantenere le due fasi operative nel migliore dei modi. Questo è dove il Sulforofano gioca il suo ruolo più importante nella prevenzione del tumore. I Sulforofani sono dei potenti induttori degli enzimi di fase 2. Secondo gli studi del dottor Paul Talalay  e dei suoi colleghi della università John Hopkins medical school, il Sulforofano  incrementa la capacità protettiva anti cancro delle cellule animali.

I Sulforofani  inducono gli enzimi di fase 2  (disintossicazione), che sono gli enzimi che aiutano a neutralizzare le sostanze carcinogeniche ed i radicali liberi, ed in questo modo incrementano le difese del corpo contro le sostanze chimiche responsabili di causare il cancro.

Ci sono oggi tecniche di germogliazione per far crescere grandi quantità di germogli, con circa 5500 parti per milione di Sulforofano come nel germogli di broccoli che poi possono essere essiccati.

Paul Talalay, MD dice “ Germogli di broccoli di tre giorni hanno un contenuto consistente dalle 20 alle 50 volte la quantità di composti protettivi chimici trovati in  natura nei broccoli maturi, questi possono offrire in modo semplice un veicolo alimentare di sostanze in grado di ridurre il rischio di cancro”

( Consultare Fahey, Zhang and Talalay,” Germogli di broccoli: una risorsa eccezionalmente ricca di enzimi induttivi che protegge contro agenti chimici carcinogenici “ )

In generale, questa famiglia di piante appartenenti al genere Brassica, a cui appartengono i broccoli, sono ricchi in Sulforofano in particolare nel suo precursore glucosinolato.

Sfortunatamente, i broccoli dovrebbero essere mangiati in grandi quantità per poter ridurre in modo sostanziale il rischio di cancro. Studi preliminari hanno evidenziato che per poter ridurre significativamente il rischio di cancro di circa la metà, una persona media dovrebbe mangiare circa un chilo di broccoli o analogo vegetale alla settimana.

In relazione alla ricerca fatta alla John Hopkins, si è potuto identificare che i broccoli hanno contenuto variabile di Sulforofano, e che certe varietà di broccoli giovani in particolare germogli coltivati in condizioni standard, contengono grandi quantità uniformi di questo composto.

Siccome la concentrazione di Sulforofano è molto più alta nel germogli di broccoli che nei broccoli maturi, la stessa percentuale di riduzione del rischio potrebbe in teoria essere ottenuta mediante la soluzione di soli 28 g di germogli di broccoli e magari qualche capsula di polvere di germoglio.

Negli studi fatti con animali, il Sulforofano blocca lo sviluppo del tumore, riducendone l'incidenza, la molteplicità e la dimensione del tumore mammario indotto con sostanze carcinogeniche. Piccole quantità di estratto di germogli di broccoli hanno ridotto l'incidenza e la dimensione del tumore mammario negli animali.

Talalay ed il suo team hanno somministrato l'estratto di germogli ad un gruppo di 20 ratti femmine per cinque giorni e poi esposte ad una sostanza carcinogenica, dimethylbenzanthracene,  quindi confrontate al gruppo di controllo che non ha ricevuto nessun estratto. I ratti che avevano ricevuto l'estratto di germogli di broccoli, hanno sviluppato pochi tumori, e quelli che lo hanno sviluppato, i tumori erano di piccole dimensioni e con una crescita molto più lenta. In uno dei ratti che aveva sviluppato il tumore, lo stesso era ridotto del 60% ed il numero dei tumori era ridotto dell'80%, mentre la dimensione del tumore dove sviluppato era ridotta del 75%. In più la comparsa del tumore era ritardata e la sua crescita era molto più lenta.

Ci sono altri studi clinici in corso per indagare in modo approfondito l'effetto dei germogli di broccolo come sostanze protettive dei biomarcatori contro il cancro umano.

Scienziati del American Health Foundation hanno scoperto che il Sulforofano inibisce la formazione di lesioni precancerose nel colon dei ratti, altri ricercatori in Francia hanno trovato che il Sulforofano induce morte cellulare nelle cellule del carcinoma del  colon umano.

Questo studio suggerisce che “ oltre all’attivazione degli enzimi disintossicanti, esiste anche l'induzione della  apoptosi associata all'uso del Sulforofano come prevenzione del cancro”.

Questi risultati non sono ancora stati convalidati nell'essere umano, però stanno destando moltissimo interesse tra gli scienziati. Il Sulforofano è in grado di uccidere l'Helicobacter pylori. In un recente articolo il Boston Globe ha riportato: “ Nei test chimici di laboratorio, il Sulforofano ha ucciso l'Helicobacter pylori, un batterio che causa ulcere gastriche e spesso anche tumori fatali allo stomaco, che sono la seconda causa più frequente di tumore nel mondo”.

Gli scienziati hanno evidenziato che il Sulforofano è in grado di uccidere anche gli Helicobacter che erano resistenti all'uso dei comuni antibiotici. Hanno anche dimostrato che il Sulforofano è in grado di uccidere i batteri sia che si trovano dentro o fuori la cellula.

Negli umani, il batterio può nascondersi nelle cellule che formano le pieghe della mucosa gastrica, rendendo difficile la loro eliminazione. Questo è stato riportato dal Dr.  Fahey.( Jed W. 

Fahey of the Johns Hopkins University School of Medicine.)

Lo studio si è concentrato sui topi , ma i  ricercatori ora stanno osservando  se gli stessi effetti avvengono anche negli umani.

Il Dr. Fahey,  fisiologo botanico ha detto:”   In certe parti del centro e sud America, Africa e Asia circa l'80 -  90% della popolazione è infetta dall'Helicobacter. Questa condizione sembra essere correlata a condizione di povertà e scarsa igiene” . Il batterio viene usualmente curato con antibiotici,  però questi sono troppo costosi e poco disponibili in molte parti del mondo.

Questi risultati sono stati pubblicati il 28 maggio del 2002 alla National Academy of Science. 

Chi dovrebbe considerare l'uso di questi supplementi?

  • Ogni persona affetta da cancro o che è stata affetta da cancro in passato, o qualsiasi in attesa di prevenzione chemioterapiche.
  • Tutti coloro che non riescono a consumare almeno cinque porzioni di frutta o verdura nella loro alimentazione giornaliera.
  • Tutti coloro che vogliono rinforzare la disintossicazione.
  • Tutti coloro che sono stati diagnosticati o hanno il sospetto di essere affetti da Helicobacter pylori.

Riportiamo di seguito le referenze riguardanti la ricerca sui germogli di broccolo:

• Dinkova-Kostova, A.T., Abeygunawardana, C., and Talalay, P. (1998) 

Chemoprotective Properties of Phenylpropenoids, 

Bis(benzylidene)cycloalkanones, and Related Michael Reaction Acceptors: 

Correlation of Potencies as Phase 2 Enzyme Induers and Radical Savengers. J. 

Med. Chem. 41, 5278-5296. 

• Dinkova-Kostova, A. T. and Talalay, P. (1999) Relation of Struture of Curcumin 

Analogs to their Potencies as Inducers of Phase 2 Detoxication Enzymes. 

Carcinogenesis 20, 911-914. 

• Talalay P. (1999) The War Against Cancer: New Hope. Proc. Amer. Philos. Soc. 

143, 52-72. 

• Foster, C.E., Bianchet, M. A., Talalay, P., Zhao, Q., and Amzel, L.M. (1999) 

Crystal Structure of Human Quinone Reductase Type 2, a Metalloflavoprotein. 

Biochemistry 38, 9881-9886. 

• Fahey, J.W. and Talalay, P. (1999) Antioxidant Functions of Sulforaphane: A 

Potent Inducer of Phase II Detoxication Enzymes. Food Chem. Toxicol. 37, 973-

979. 

• Steinmetz, K.A. Potter, J.D. Vegetables, fruit, and cancer prevention: A review. J 

Am Diet Assoc. 1996;96:1027?1039. 

• Fahey, J.W., Zhang, Y., Talalay, P. Broccoli sprouts: An exceptionally rich source 

of inducers of enzymes that protect against chemical carcinogens. Proc. Natl. 

Acad. Sci. 1997; 94:10367?10372. • Verhoeven, D.T.H., et. al. Epidemiological studies on brassica vegetables and 

cancer risk. Cancer Epidemiology, Biomarkers & Prevention 1996;5:733?48. 

• Murray, M. Pizzorno, J. Encyclopedia of Natural Medicine. Rocklin, CA: Prima 

Publishing;1998:110?120. 

• Zhang, Y. Talalay, P, Cho, C., Posner, G.H. A major inducer of anti-carcinogenic 

protective enzymes from broccoli: Isolation and elucidation of structure. Proc. 

Natl. Acad. Sci. 1992;89:2399?2403. 

• Gerhäuser, C. et. al. Cancer chemo-preventive potential of sulforamate, a novel 

analogue of sulforaphane that induces phase 2 drug metabolizing enzymes. 

Cancer Research 1997;57:272?78. 

• McDanell, R., McLean, A.E.M., Hanley, A.B., Heaney, R.K., Fenwick, G.R. 

Chemical and biological properties of indole glucosinolates (glucobrassicins): A 

review. Fd. Chem. Toxic. 1988;26(1):59?70. 

• Talalay, P. Mechanisms of induction of enzymes that protect against chemical 

carcinogenesis. in Advances in Enzyme Regulation, Vol. 28, Weber, G., Ed., 

1989: Pergamon Press. 

• Prochaska, H.J. Santamaria, A.B., Talalay, P. Rapid detection of enzymes that 

protect against carcinogens. Proc. Natl. Acad. Sci. 1992;89:2394?98.

Here are a few of the papers and publications pertinent to broccoli sprouts, SGS, 

phase 2 enzymes and chemo-protective effects. They are sorted by date of 

publication and taken from www.brassica.com, a source of live sprouts to be 

included in diet. 

• Powerful and prolonged protection of human retinal pigment epithelial cells, 

keratinocytes, and mouse leukemia cells against oxidative damage: the indirect 

antioxidant effects of sulforaphane. 

http://www.pnas.org/cgi/doi/10.1073/pnas.261572998 Proc. Natl. Acad. Sci. USA, 

Vol. 98, Issue 26, pp. 15221-15226, December 18, 2001 Xiangqun Gao, Albena 

T. Dinkova-Kostova, and Paul Talalay 

• The impaired glutathione system and its up-regulation by sulforaphane in 

vascular smooth muscle cells from spontaneously hypertensive rats. 

http://www.jhypertension.com/article.asp?ISSN=0263-

6352&VOL=19&ISS=10&PAGE=1819 Hypertension, Vol. 19, pp. 1819-1825, 

2001. Lingyun Wu; Bernhard H. J. Juurlink 

• Potent induction of Phase 2 enzymes in human prostate cells by sulforaphane. 

http://cebp.aacrjournals.org/cgi/content/abstract/10/9/949 Cancer Epidemiology, 

Biomarkers & Prevention, Vol. 10, pp. 949-954. Sept. 2001. James D. Brooks, 

Vincent G. Paton and Genevieve Vidanes 

• Sensitivity to carcinogenesis is increased and chemoprotective efficacy of 

enzyme inducers is lost in nrf2 transcription factor-deficient mice 

http://www.pnas.org/cgi/content/short/98/6/3410 Proc. Natl. Acad. Sci. USA, Vol. 

98, Issue 6, 3410-3415, March 13, 2001 Minerva Ramos-Gomez, Mi-Kyoung 

Kwak, Patrick M. Dolan, Ken Itoh, Masayuki Yamamoto, Paul Talalay, and 

Thomas W. Kensler JHMI Press release: Studies Show Powerful Natural AntiCancer System Exists: Goal Now: Fine Tune It • Potency of Michael reaction acceptors as inducers of enzymes that protect 

against carcinogenesis depends on their reactivity with sulfhydryl groups 

http://www.pnas.org/cgi/content/short/98/6/3404 Proc. Natl. Acad. Sci. USA, Vol. 

98, Issue 6, 3404-3409, March 13, 2001 Albena T. Dinkova-Kostova, Michael A. 

Massiah, Richard E. Bozak, Ronald J. Hicks, and Paul Talalay. The chemical 

diversity and distribution of glucosinolates and isothiocyanates among plants 

Phytochemistry 2001, 56:5-51. Fahey, Jed W., Zalcmann, Amy T, Talalay, Paul. 

• Inhibition of benzo[a]pyrene- and 1,6-dinitropyrene-DNA adduct formation in 

human mammary epithelial cells by dibenzoylmethane and sulforaphane. 

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/entrez/query.fcgi?cmd=Retrieve&db=PubMed&list_ui

ds=10814878&dopt=Abstract Cancer Letters 2000 July 3; 155(1):47-54. 

Singletary K, MacDonald C. 

• Sulforaphane, A Naturally Occurring Isothiocyanate, Induces Cell Cycle Arrest 

and Apoptosis in HT29 Human Colon Cancer Cells 

http://www.ncbi.nlm.nih.gov:80/entrez/query.fcgi?cmd=Retrieve&db=PubMed&list

_uids=10728709&dopt=

<http://www.ncbi.nlm.nih.gov/entrez/query.fcgi?cmd=Retrieve&db=PubMed&list_

uids=10728709&dopt=> Abstract Cancer Research 2000 March 1; 60(5):1426-

1433. Gamet-Payrastre L, Li P, Lumeau S, Cassar G, Dupont MA, Chevolleau S, 

Gase N, Tulliez J, Terçé F. 

• Chemoprevention of colonic aberrant crypt foci in Fischer rats by major 

isothiocyanates in watercress and broccoli. Proceedings of the American 

Association for Cancer Research, March 2000; 41:660. Chung F-L, Conaway 

CC, Rao CV, Reddy BS. 

• Antioxidant functions of sulforaphane: a potent inducer of Phase II detoxication 

enzymes. http://www.ncbi.nlm.nih.gov/htbinpost/Entrez/query?uid=10541453&form=6&db=m&Dopt=b Food Chem Toxicol 

1999 Sep-Oct;37(9-10):973-9 Jed W. Fahey, Paul Talalay 

• The War Against Cancer: New Hope, Proceedings of the American Philosophical 

Society, March 1999, Vol. 143(1), pp. 52-72., Talalay, Paul. 

• Broccoli sprouts: An exceptionally rich source of inducers of enzymes that protect 

against chemical carcinogens 

http://www.pnas.org/cgi/content/abstract/94/19/10367 Proc. Natl. Acad. Sci. USA, 

Vol. 94, pp. 10367-10372, September 16, 1997. Jed W. Fahey, Yuesheng 

Zhang, and Paul Talalay 

• Electrophile and Antioxidant Regulation of Enzymes that Detoxify Carcinogens 

http://www.pnas.org/cgi/content/abstract/92/19/8965 Proc Natl Acad Sci U S A 

1995 Sep 12;92(19):8965-9 T Prestera and Paul Talalay 

• Anticarcinogenic Activities of Sulforaphane and Structurally Related Synthetic 

Norbornyl Isothiocyanates http://www.pnas.org/cgi/content/abstract/91/8/3147

Proc Natl Acad Sci USA 1994 Apr 12;91(8):3147-50 Y Zhang, TW Kensler, C 

Cho, GH Posner and P Talalay 

• Chemical and Molecular Regulation of Enzymes that Detoxify Carcinogens 

http://www.pnas.org/cgi/content/abstract/90/7/2965 Proc Natl Acad Sci USA 1993 

Apr 1;90(7):2965-9 T Prestera, WD Holtzclaw, Y Zhang and P Talalay • A Major Inducer of Anticarcinogenic Protective Enzymes from Broccoli: Isolation 

and Elucidation of Structure http://www.pnas.org/cgi/content/abstract/89/6/2399

Proc Natl Acad Sci USA 1992 Mar 15;89(6):2399-403 Y Zhang, P Talalay, C Cho

NERO' H20 d.o.o. usa i cookies per poter configurare in modo ottimale e migliorare costantemente le sue pagine web. Continuando ad utilizzare il sito Internet fornite il vostro consenso all'utilizzo dei cookies. Per ulteriori informazioni si rimanda alle avvertenze sui cookies
x